SI PUO' DIMAGRIRE RESPIRANDO?

E' possibile dimagrire respirando? secondo un team di ricercatori della University of New South Wales, si! Hanno scoperto che oltre l’80% del grasso corporeo lascia il corpo mediante l’espirazione.

Questo fenomeno non si spiega con diete particolari o con allenamenti estremi, ma con la semplice biologia.


Facciamo un passo indietro. Carboidrati e proteine in eccesso vengono convertiti in trigliceridi, che a loro volta sono accumulati all’interno degli adipociti (le cellule del tessuto adiposo).

I grassi in eccesso sono accumulati con maggior semplicità all’interno dell’adipocita tramite processi molto semplici ed efficienti che necessitano dell’azione di pochi enzimi.

Il volume degli adipociti può aumentare notevolmente a seconda della quantità di trigliceridi che si vanno a mettere all'interno, determinando oltre che l’aumento di peso anche un rilevante e sensibile aumento del volume corporeo.

Quando vogliamo dimagrire, intendendo il termine in maniera corretta come perdita di grasso e non semplice perdita di peso, il nostro obiettivo è quello di metabolizzare i trigliceridi accumulati negli adipociti.

Il meccanismo che consente lo smaltimento del grasso corporeo attraverso il respiro è spiegato a partire dalla composizione dei trigliceridi che sono composti da tre tipi di atomi: carbonio, idrogeno e ossigeno.


Quando si perde il grasso in eccesso, il processo di ossidazione causa la rottura delle molecole di trigliceridi.


Gli studiosi hanno scoperto che quando 10 kg di grasso vengono completamente ossidati (distrutti) 8,4 kg si dissolvono attraverso i polmoni sotto forma di anidride carbonica (CO2). I restanti 1,6 kg diventano acqua (H2O) che viene eliminata con il sudore e le urine.

Lo studio ha anche evidenziato che l’ossigeno inalato necessario per questo processo metabolico è tre volte superiore al grasso che si sta perdendo.


Per consumare 10kg di grasso si inalano 29kg di ossigeno e producono 28kg di anidride carbonica e 11kg di acqua.



2 Esercizi per migliorare la respirazione diaframmatica:


  • Sdraiati per terra in posizione supina. Inspira con il naso gonfiando la pancia, quindi espira lentamente dalla bocca, contraendo gli addominali e cercando di tirare l’ombelico verso la spina dorsale. Mantieni la contrazione per 5/10 secondi e poi ripeti l’intera sequenza respiratoria per 10/15 volte consecutive.


  • Il secondo esercizio consiste nel ripetere la sequenza inspirazione-espirazione-contrazione addominale in posizione eretta. Metti le mani sui fianchi e divarica leggermente le gambe, quindi procedi con l’esercizio di respirazione.








53 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

VITAMINA C

  • LinkedIn Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Instagram
  • Youtube